DIVISIONE LAVORI

Impresa Edile

L’impresa “Francesco Buccellato & figli S.n.c” è nata il 10 Gennaio 1974, Le attività primarie sono costruzione, manutenzione, riparazione, impermeabilizzazione e risanamento di opere edili.
Il 3 Gennaio 1984 viene trasformata in Buccellato S.r.l..
Nel tempo si specializza nel recupero del patrimonio edilizio, nelle ristrutturazioni civili con tecnologie innovative e nel restauro di monumenti storici, archeologici e di pregio architettonico.
Grazie al costante impegno profuso la Buccellato S.r.l., negli anni, ha raggiunto un alto grado di competenze professionali che conferiscono all’Azienda quella spinta innovativa che oggi le permette di detenere una posizione di leader nel settore dell’edilizia specializzata in Sardegna.
Il programma di miglioramento della qualità, in linea con la propria politica, caratterizza l’approccio di Buccellato S.r.l. al mercato.
Tecnologia, qualità e servizio sono l’espressione della sua filosofia. La composizione sociale ve-de fortemente impegnati i membri della famiglia, che all’interno dell’Azienda rivestono impor-tanti funzioni direttive, sia tecniche sia commerciali.
Ad oggi l’Impresa Buccellato srl opera con tutti i requisiti e le certificazioni previste dalla normativa vigente per l’esecuzione dei Lavori Pubblici.

I SETTORI DI INTERVENTO DELL'IMPRESA SONO:

Rinforzi strutturali

Realizziamo ormai da più di 15 anni di esperienza, rinforzi strutturali utilizzando materiali innovativi avendo cura di rispettare la storia della tipologia edilizia, lo studio accurato dei supporti e la compatibilità tecnica tra il vecchio e il nuovo materiale.


Rinforzi strutturali con tecnica del Beton plaquè (acciaio e stucco epossidico) e con i materiali compositi quali F.R.P.,"Fiber Reinforced Plastics", cioè materiali fibrorinforzati (carbonio, fibra di vetro, Kevlar) a matrice polimerica (resina epossidica) sono comunemente utilizzati per soddisfare le esigenze dei professionisti e risolvere le problematiche di consolidamento e rinforzo delle strutture portanti degli edifici esistenti.


Nello specifico, i casi di rinforzo strutturale con gli F.R.P. vengono utilizzati sia nel settore del restauro che in quello civile:


• Cerchiatura di pilastri, con lo scopo di incrementare la resistenza a compressione e la duttilità del calcestruzzo;
• Rinforzo di travi e solai, per incrementare il rinforzo a flessione del sistema;
• Restauro e il consolidamento di strutture a volta, archi, collegamenti tra elementi disconnessi e rinforzo di murature in pietra o in materiali misti;
• Ripristino di strutture in generale dissestate o degradate, laddove è indispensabile integrare la sezione resistente a trazione e taglio o comunque adeguarle sismicamente;

RISANAMENTO CALCESTRUZZO

Il calcestruzzo, come per qualsiasi altro materiale a contatto con l’ambiente atmosferico e/o marino è soggetto a degrado e necessita pertanto manutenzione e protezione nell’arco degli anni.

Esistono diverse cause che possono portare all’innesto dell’ammolaramento del materiale comportando manifestazioni visive che comunemente ritroviamo nelle lesioni, distacchi, disgregazione e corrosione dei ferri di armatura.


Si parte solitamente da un attenta analisi delle cause che possono aver innestato il degrado per poter individuare le tecniche e i materiali più idonei alla risoluzione del problema.

  • Risanamento strutturale del calcestruzzo mediante la rimozione dello starto carbonatato, la pulizia e il ripristino della passività dei ferri di armatura, la ricostruzione della parte rimossa con malte che ristabiliscono l'originale resistenza e durabilità della struttura.
  • Ripristino della continuità degli elementi mediante iniezioni di malta micronizzata a base cementizie e resina che hanno la funzione di riempire le cavillature, vuoti e lesioni in generale, ristabilendo l’integrità strutturale e proteggendo contro un ulteriore deterioramento.
  • Idroscarifica ad alta pressione   Rappresenta una tecnica che attraverso getti d’acqua ad altissima pressione (1.000- 1.500 bar) garantisce una rimozione selettiva, asportando solo il calcestruzzo deteriorato ed evitando il danneggiamento delle armature e delle parti sane

Pulizia con sistema jos

Il sistema Jos è una lavorazione specifica utilizzata sia in campo monumentale che in quello civile.

 Il sistema Jos utilizza per il suo funzionamento una miscela graduabile di acqua (da 1 a 30 lt/h a seconda del diametro dell’ugello impiegato), aria e inerti neutri (da 125 a 300 micron e con una durezza che va da 3 a 5 Mohs), ad esempio, carbonato di calcio di granulometria varia e viene utilizzato per la pulitura di tutti i tipi di pietra (travertino, pietra serena, marmo di Carrara, ecc.), laterizio, cemento, metalli in genere (oro, ferro, alluminio, bronzo, ecc.) e a secco su strutture in legno. Il sistema Jos rimuove i graffiti, muschi, licheni, smog, calcare (fontane), incrostazioni varie, pitture, ecc.

Dopo l’intervento di pulitura, i supporti, non hanno subito abrasioni ne danni irreversibili, perché il sistema Jos non asporta il materiale costituente il supporto stesso, ma solo quello che vi è sovrapposto, lasciando la patina d’invecchiamento intatta.

Impermeabilizzazione con poliurea

La poliurea è un elastomero ottenuto per poliaddizione di un disocianato alifatico o aromatico ottenuto per poliaddizione dei prodotti, applicata a rullo (poliurea a freddo) o a caldo mediante apposita macchina (poliurea a caldo)

La cosiddetta reazione di polimerizzazione tra i due componenti permette di creare uno strato continuo e monolitico nel rivestimento delle superfici, anche delle piu complesse differenziandola notevolmente da gli altri sistemi impermeabilizzanti.

Questo tipo di intervento permette l'applicazione anche su materiali metallici; è particolarmente indicato per il settore industriale e meccanico per la protezione dall'umidità e dall'attacco chimico, ma trova largo utilizzo anche per impermeabilizzare coperture piane e/o a falda, viadotti, impalcati, ponti, parti di prospetti, vasche e giunti di dilatazione.